Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Divorzio

RICONOSCIMENTO DI SENTENZE DI DIVORZIO STRANIERE

La legge di diritto internazionale privato n. 218/1995 prevede, quale regola generale, l’automatica efficacia in Italia di sentenze straniere di divorzio che rispettino alcuni requisiti basilari di compatibilità con l’ordinamento italiano.

I provvedimenti stranieri devono essere trascritti presso il Comune italiano competente.

Le sentenze straniere, munite di apostille e traduzione in italiano, possono essere presentate per la trascrizione in Italia:

  • al Comune italiano, direttamente dall’interessato;
  • oppure al Consolato italiano nella cui circoscrizione è stata emessa la sentenza.

RICONOSCIMENTO E TRASCRIZIONE IN ITALIA DELLE SENTENZE CANADESI DI DIVORZIO

Il Consolato Generale d’Italia a Toronto è competente per le richieste di trascrizione in Italia delle sentenze di divorzio emesse dalle autorità canadesi rientranti in questa circoscrizione consolare.

La documentazione indicata di seguito va presentata via posta al Consolato Generale, all’indirizzo:

Consulate General of Italy in Toronto
136 Beverley Street
Toronto, ON, M5T 1Y5

DOCUMENTI DA PRESENTARE

Considerato che, di norma, le sentenze canadesi di divorzio non contengono tutti i requisiti richiesti dalla normativa italiana, vanno presentati i seguenti documenti canadesi, di cui quelli ai punti 1 e 2 devono essere in originale o copia conforme all’originale (certified o true copy) rilasciata dal Tribunale competente:

1) Sentenza di divorzio (“Decree Nisi” oppure “Divorce Judgment” o “Divorce Order”) in originale;

2) Certificato di divorzio (“Decree Absolute” oppure “Certificate of Divorce”) in originale;

N.B.: I suddetti documenti dovranno essere presentati a questo Consolato Generale dopo essere stati apostillati dall’Autorità canadese competente.

APOSTILLE, CHE COS’E’ E COME OTTENERLA
Il Canada ha recentemente aderito alla Convenzione dell’Aja sull’Apostille, di cui l’Italia fa parte già da tempo. L’Apostille è un certificato che accompagna il documento a cui si riferisce e che ha lo scopo di facilitare il riconoscimento di atti formati all’estero tra i Paesi che aderiscono alla Convenzione.
Dall’11 gennaio 2024, se un documento emesso in Canada deve essere fatto valere in Italia, l’utente dovrà richiedere l’Apostille all’Autorità canadese competente.

a) Apostille da richidere a Global Affairs  Canada per tutti i documenti emessi o notarized in Manitoba e NWT, così come nel caso di documenti del Governo federale: Cliccare qui per informazioni su come richiedere l’Apostille al GAC

b) Apostille da richiedere al Ministry for Public and Business Service Delivery (MPBSD) per tutti i documenti emessi o notarized in Ontario: 
Cliccare qui per informazioni su come richiedere l’Apostille all’Ontario Service Documents

Un documento apostillato non necessita di ulteriore legalizzazione del Consolato.

Le modalità per ottenere l’Apostille di un certificato o sentenza di divorzio, in Ontario, sono due:

  • è possibile sottoporre il certificato o la sentenza a un notaio/avvocato abilitato per la notarization dell’atto. Una volta “notarizzato”, potrà essere richiesta l’Apostille della notarization al Ministry for Public and Business Service Delivery (MPBSD), si veda il link su indicato alla lettera b) per informazioni su come contattare il MPBSD. 
  • in alternativa, è possibile rivolgersi direttamente all’Official Documents Service del MPBSD. Quest’ultimo dovrà chiedere al Ministero dell’Attorney General l’autentica della firma del cancellerie che ha sottoscritto il certificato o la sentenza di divorzio. Successivamente, MPBSD rilascerà l’Apostille.
  • Per maggior informazioni, si raccomanda di rivolgersi direttamente alle Autorità canadesi competenti per il rilascio dell’Apostille.
  • In ogni caso, i certificati e le sentenze di divorzio, debitamente apostillate, devono essere presentati in originale a questo Consolato e non in copia conforme.

DOCUMENTI GIA’ RILASCIATI DALLE AUTORITA’ CANADESI: Se disponete della sentenza e del certificato di divorzio autenticati prima dell’11 gennaio 2024 dal GAC o dall’Autorità Provinciale competente, in via transitoria, è ancora possibile richiederne la legalizzazione del Consolato, senza dover richiedere l’Apostille. Per ogni legalizzazione di atti di stato civile, è dovuto il pagamento della tariffa consolare (art. 7 della Tariffa Consolare).

TRADUZIONI EFFETTUATE DA TRADUTTORI CERTIFICATI ATIO: In via transitoria, il Consolato continua a legalizzare le traduzioni effettuate dai traduttori certificati ATIO con firma depositata in Consolato (elenco disponibile qui), senza necessità di richiedere l’Apostille. Per ogni legalizzazione, è dovuto il pagamento della tariffa consolare (art. 69).

Se ci si vuole rivolgere a traduttori non inclusi nell’elenco dei traduttori con firma depositata, è possibile farlo ma l’utente dovrà poi:

  1. far legalizzare (notarize) la traduzione da un notary public/avvocato abilitato all’esercizio della professione in  Canada e
  2. richiedere successivamente il rilascio dell’Apostille al GAC o all’Official Documents Service dell’Ontario, a seconda del luogo in cui la traduzione è stata notarized.

Una volta apostillata, la traduzione non necessita di ulteriore legalizzazione del Consolato

La percezione consolare (artt. 7 e 69 indicati sopra) deve essere inclusa nella busta, sotto forma di money order/bank draft per l’importo esatto, in dollari canadesi, intestato al Consolato Generale d’Italia a Toronto. In caso di  dubbi sulla percezione consolare dovuta, contattare toronto.anagrafe@esteri.it.

3) Richiesta di divorzio (Application for divorce or Petition of Divorce);

4) Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà e richiesta di trascrizione (con allegato documento di riconoscimento valido con firma);

Tutta la documentazione originale sarà trattenuta da questo Consolato.

Le pratiche incomplete non verranno lavorate.

Se si desidera la restituzione della documentazione in caso di pratica incompleta, è necessario includere nella richiesta di trascrizione anche una busta pre-affrancata e pre-indirizzata.