Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Acquisto cittadinanza per matrimonio/unione civile

ATTENZIONE

Nuove norme in materia di cittadinanza, con riguardo a naturalizzazione per matrimonio/unione civile con cittadino italiano (art. 5 Legge n. 91 del 05/02/1992)

L’art. 9.1 della Legge n. 91 del 5 febbraio 1992 è stato modificato. La disposizione prevede ora, quale condizione per il riconoscimento della cittadinanza ai sensi degli artt. 5 o 9 della suddetta legge, il possesso di un’adeguata conoscenza della lingua italiana non inferiore al livello B1 del Quadro europeo comune di riferimento per la conoscenza delle lingue.

L’accertamento della conoscenza della lingua va effettuata producendo:

  • Un titolo di studio rilasciato da un istituto italiano di istruzione pubblico o da un istituto paritario; oppure
  • Una certificazione rilasciata da un ente certificatore CLIQ- Certificazione Lingua Italiana di Qualità. Al momento possono considerarsi enti certificatori, appartenenti al sistema di Certificazione della Lingua Italiana di Qualità:
    • ◦ L’Università per stranieri di Siena
      ◦ L’Università per stranieri di Perugia
      ◦ L’Università Roma Tre
      ◦ La Società Dante Alighieri
    • ◦ L’Università per stranieri Dante Alighieri di Reggio Calabria

Potranno pertanto essere considerate valide le certificazioni di livello non inferiore a B1 rilasciate dai suddetti enti.

Gli stranieri residenti nella circoscrizione consolare di questo Consolato Generale possono sostenere gli esami di certificazione della conoscenza della lingua italiana, livello B1, presso l’Istituto Italiano di Cultura di Toronto che è sede di esame per le certificazioni dell’Università per stranieri di Siena CILS (Certificazione Italiano come Lingua Straniera).

Gli esami si svolgono in due sessioni annuali (a giugno e a dicembre) secondo un calendario stabilito dall’Università per stranieri di Siena che è responsabile per l’elaborazione e la correzione delle prove. Il calendario e le informazioni sugli esami si possono trovare sul sito dell’Università di Siena: https://cils.unistrasi.it/98/50/Gli_esami_CILS.htm

Per sostenere gli esami presso l’Istituto Italiano di Cultura di Toronto è necessario iscriversi almeno 40 giorni prima della data dell’esame e pagare la relativa tassa di iscrizione di circa 350.00 CAD. Per le informazioni su calendario di esami e pagamento della tassa di iscrizione si prega di rivolgersi all’Istituto Italiano di Cultura di  Toronto (tel. 416 – 921 3802).

ACQUISTO DELLA CIITADINANZA ITALIANA PER MATRIMONIO /UNIONE CIVILE – Art. 5 Legge n. 91/1992 

Le domande di acquisto di cittadinanza per matrimonio/unione civile (unione di persone dello stesso sesso) devono essere presentate online direttamente dagli interessati attraverso il portale del Ministero dell’Interno (clicca qui).

N.B:: La procedura suddetta non riguarda le donne che hanno acquistato automaticamente la cittadinanza italiana nei casi di matrimonio con cittadino italiano avvenuto prima del 27 aprile 1983. Questa è una casistica diversa per la quale si deve prenotare un appuntamento per cittadinanza tramite Prenot@mi.

Prima dell’inserimento della domanda nel portale del Ministero dell’Interno, è consigliato che il richiedente contatti il Consolato all’indirizzo email: toronto.cittadinanza@esteri.it

per la verifica della documentazione ed il pagamento delle eventuali percezioni consolari.

CHI PUÒ PRESENTARE LA DOMANDA

Il coniuge straniero (uomo o donna) di cittadino italiano che desideri acquistare la cittadinanza italiana può farne richiesta se sussistono le seguenti condizioni:

  1. è residente presso questa circoscrizione consolare;
  2. sono trascorsi almeno 3 anni dalla data del matrimonio / unione civile (tale periodo è ridotto a diciotto mesi in presenza di figli, anche adottati). Si ricorda che il vincolo del matrimonio/unione civile deve permanere fino al momento del giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana, che può avvenire entro un periodo di tempo fino a 3 anni dalla presentazione della domanda.

COME PROCEDERE?

1) Una volta raccolta e predisposta la documentazione sotto elencata, contattare il Consolato al seguente indirizzo email: toronto.cittadinanza@esteri.it , indicando nell’oggetto “appuntamento cittadinanza italiana per matrimonio” per la verifica della documentazione ed il pagamento delle eventuali percezioni consolari.

2Registrarsi al portale del Ministero dell’Interno.
Dopo aver effettuato la registrazione il richiedente dovrà accedere al portale mediante le credenziali ricevute a seguito della registrazione stessa. Si precisa che nel modulo di registrazione vanno inseriti i dati anagrafici (cognome/nome/data di nascita) presenti nel certificato di nascita (N.B: inserire il cognome da NON sposati).

In caso di errato inserimento dei dati anagrafici sarà necessario procedere alla cancellazione della registrazione al portale, dopo aver effettuato l’accesso utilizzando la funzione del menù “cancella la registrazione al portale”, ed effettuare successivamente una nuova registrazione.

3) Allegare la seguente documentazione:

3.1 CERTIFICAZIONE attestante la conoscenza della lingua italiana di livello non inferiore a B1 (come da indicazioni sopra riportate nell’Avviso)

3.2 PASSAPORTO (Se il richiedente non è canadese occorre anche includere il permesso di studio/lavoro o la permanent resident card)

3.3 ATTO INTEGRALE DI MATRIMONIO/UNIONE CIVILE rilasciato dal Comune in Italia dove il matrimonio/unione civile è stato registrato. Modulo per richiederlo al comune.

3.4 ATTO DI NASCITA INTEGRALE (Certified Copy of Registration of Birth). Per i certificati emessi in Ontario, Manitoba e i Territori del Nord Ovest il richiedente dovrà provvedere ad ottenere l’Apostille e accompagnare con  traduzione in italiano:  tramite uno dei traduttori di riferimento di questo Consolato Generale (in questo caso non è necessario apporre un’ulteriore Apostille, il Consolato può legalizzare la firma del traduttore); tramite un traduttore canadese certificato (ATIO in Ontario): in questo caso sarà necessario notarize la traduzione prima di farvi apporre l’Apostille.

Per la traduzione e apostille/ legalizzazione di certificati emessi altrove è necessario rivolgersi al Consolato italiano o all’Ambasciata del Paese dove il certificato è stato rilasciato.

N.B.: se si è cittadini naturalizzati canadesi ma nati in Italia, è possibile presentare INVECE l’atto integrale di nascita rilasciato dal Comune italiano di nascita.

3.5 CERTIFICATO DEL CASELLARIO GIUDIZIALE del Paese di origine e degli altri Paesi dove il richiedente abbia eventualmente risieduto a partire dall’età di 14 anni. Tali certificati devono essere apostillati /legalizzati  secondo normativa di ogni Paese di emissione e accompagnati da traduzione in italiano. Tale traduzione dovrà essere legalizzata dal Consolato o Ambasciata italiana nel Paese che li ha emessi (oppure dovrà essere apostillata ove applicabile)

N.B. Il certificato penale ha per la legge italiana validità di sei mesi dalla data di rilascio.

In CANADA Il Certificato Penale canadese è rilasciato dalla Royal Canadian Mounted Police Headquarters in Ottawa:

  1. a) Il certificato da richiedere è il “Certified criminal record check with fingerprints”, che dovrà contenere la foto e le impronte digitali del richiedente (cliccare qui per ulteriori informazione e il modulo di richiesta)
  2. b) Tale documento dovrà essere apostillato
    c) Il documento deve essere accompagnato da traduzione in Italiano da uno dei traduttori di riferimento di questo Consolato (in questo caso non è necessario apporre un’ulteriore Apostille dato che il Consolato può legalizzare la firma del traduttore) o tramite un traduttore canadese certificato (ATIO in Ontario): in questo caso sarà necessario notarizzare (notarize) la traduzione e farvi apporre l’Apostille.

3.6  RICEVUTA del versamento di EURO 250,00 (nuovo importo dal 5.10.2018) da effettuare come di seguito indicato:

  1. a) Bonifico bancario, al netto di spese di invio o intermediazione, sul conto in essere presso l’Istituto di credito “Poste Italiane” Viale Europa 175 – Roma – Conto n. IT54D0760103200000000809020 a favore del Ministero dell’Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione CITTADINANZA – Piazza del Viminale 1 – 00184 ROMA. La causale del versamento deve indicare il nome e cognome del richiedente (indicare sempre il cognome da nubile/celibe). Il codice SWIFT per i versamenti tramite bonifici esteri è: BPPIITRRXXX (al riguardo si precisa che in caso di difficoltà da parte degli Istituti bancari a riconoscere le tre X finali del codice, le stesse possono essere omesse in quanto servono solo a indentificare le filiali, mentre in questo caso si tratta di sede centrale).
  2. b) con carta di credito sul portale del Ministero dell’Interno tramite PagoPA.

3.7  MARCA DA BOLLO. All’atto della compilazione della domanda di cittadinanza sul portale il richiedente dovrà inserire gli estremi del bonifico di 16 EURO da effettuare sul conto corrente della Banca D’Italia – IBAN IT07Y0100003245348008120501. In alternativa, il Portale può offrire la possibilità di pagare anche in questo caso con carta di credito tramite PagoPA.

CI SONO ALTRI COSTI?
Quando il richiedente verrà convocato per consegnare la documentazione in originale dovrà effettuare il pagamento previsto per eventuali legalizzazioni di documenti. I pagamenti possono essere effettuati preferibilmente con carta di debito canadese (le carte di credito non sono accettate).

DOCUMENTI CON ERRORI
Si prega di controllare attentamente i documenti in ogni loro dettaglio per evitare discordanze nei dati anagrafici.
Se al momento della ricezione online dell’istanza (portale del Ministero dell’Interno), la documentazione è irregolare, incompleta o con evidenti errori e/o discrepanze nei dettagli anagrafici, l’Autorità consolare inviterà l’interessato a regolarizzarla fissando un termine per provvedere all’integrazione. Se l’interessato non provvederà nei termini richiesti, il Consolato può dichiarare la domanda inammissibile.